5500 volontari hanno distribuito 1 milione di copie della Verità sulla Droga
PUBBLICATO DALLA
Chiesa di Scientology
dal 1968
CONDIVIDI

Olimpiadi: 5500 volontari
contro la droga

5500 volontari hanno distribuito 1 milione di copie della Verità sulla Droga durante i Giochi Olimpici Estivi del 2016 a Rio de Janeiro.
Passaparola 5500 volontari hanno distribuito 1 milione di copie della Verità sulla Droga durante i Giochi Olimpici Estivi del 2016 a Rio de Janeiro.

Fra i milioni di brasiliani e turisti internazionali che hanno partecipato alle Olimpiadi Estive del 2016 a Rio de Janeiro, ci sono buone probabilità che uno su cinque si sia imbattuto in un volontario con una maglietta e berretto color acquamarina, con il simbolo della “Verità sulla Droga”. Prima e durante le prestazioni sportive, più di 5500 volontari hanno distribuito 1 milione di opuscoli educativi antidroga e mostrato annunci di pubblica utilità sui pericoli legati all’abuso di droga agli spettatori delle Olimpiadi.

La campagna “Verità sulla Droga” – prodotta dalla Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga della Chiesa di Scientology – ha conferito risultati degni di una medaglia d’oro divulgando la verità sugli effettivi mali della droga al popolo di una nazione che consuma il 18% della cocaina mondiale. Anche la marijuana e la droga sintetica vengono largamente usate. In effetti, il problema della droga in Brasile è talmente grave che i residenti della nazione hanno richiesto più materiali della Verità sulla Droga nel corso degli ultimi tre anni rispetto a qualsiasi altro paese, eccetto che gli Stati Uniti.

Una sovvenzione dell’International Association of Scientologists finanziò gli opuscoli, come pure le polo, i berretti, le borse e gli striscioni, ognuno dei quali promuoveva vite libere dalla droga. La sovvenzione aveva anche finanziato 500 tabelloni di promessa che vennero messi bene in vista a Rio e firmati da migliaia di persone che si impegnarono a non fare uso di droga.

Attività antidroga durante le Olimpiadi
“Gli opuscoli andavano veloci” Gli attivisti antidroga erano ovunque durante i Giochi Olimpici, dalle strutture sportive alle spiagge e i quartieri.

Per aiutare a divulgare il suo messaggio, Mondo Libero dalla Droga ha stretto un partenariato con Pure Performance Athletes. Ventiquattro atleti, tra cui cinque passate medaglie olimpiche, crearono i propri annunci di pubblica utilità, aiutarono i volontari a distribuire gli opuscoli e autografarono copie per i giovani in due location delle Olimpiadi.

Distribuzione di opuscoli anti-droga a Rio de Janeiro

L’impeto è aumentato “quando diverse chiese a Rio e São Paulo risposero con un clamoroso ‘SÌ’ a ogni offerta di aiuto da parte del nostro team,” ha detto Mario Chirinos, direttore esecutivo della Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga del Venezuela. “Le chiese proposero itinerari di distribuzione e logistiche per la consegna da parte di volontari in ogni luogo in cui c’era una concentrazione di visitatori e dove i turisti brasiliani si riversavano in massa”.

Ambra Calzolari, Direttrice Esecutiva della Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga Internazionale, ha spiegato che il team ha trovato qual era il punto peggiore in termini di spaccio e consumo di droga a Rio, ossia Copacabana, così ha distribuito opuscoli di educazione antidroga a centinaia di negozi lungo la costa marina e le gremite spiagge. “Gli opuscoli andavano veloci”, ha osservato lei. “Le madri tornavano anche per farsi dare più opuscoli per gli amici dei propri figli.”

I pastori, i preti e i leader di enti governativi aiutarono a mobilitare schiere di partecipanti, ottenendo l’assistenza di più di 5500 volontari. Il risultato finale, ha detto Chirinos, è stato “la distribuzione di un milione di opuscoli a turisti, visitatori, chiese, atleti, forze dell’ordine, vigili del fuoco, volontari, insegnanti, bambini e giovani”.

Distribuzione degli opuscoli a Rio
Distribuzione degli opuscoli a Rio
Distribuzione degli opuscoli a Rio

Ambra ha condiviso le sue osservazioni riguardo ai brasiliani indicando che sono molto “positivi, aperti, disposti ad aiutare, curiosi di scoprire cose nuove”. “Buona parte della gente si rende conto che la droga sta distruggendo vite, e molti sono alla ricerca di una soluzione. Quando hanno scoperto La Verità sulla Droga, la volevano per la loro famiglia, amici, chiese.”

In definitiva, migliaia di persone provenienti da 55 paesi hanno firmato la promessa di rimanere liberi dalla droga, 45 delle quali erano atleti olimpici. Le trasmissioni televisive e radiofoniche riguardanti La Verità sulla Droga, insieme alla distribuzione degli opuscoli stessi, ha avuto un’influenza positiva sulla vita di circa 6,3 milioni di persone. Chirinos ha detto: “Stiamo salvando vite e sappiamo che milioni di persone ora stanno leggendo La Verità sulla Droga”.