PUBBLICATO DALLA
Chiesa di Scientology
dal 1968
CONDIVIDI

Figi: ricostruire vite

Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite

Quando il ciclone tropicale Winston si è abbattuto violentemente sulla nazione insulare delle isole Figi nel Pacifico a febbraio del 2016, Alfred Waqa sapeva esattamente come affrontare la crisi. Tra l’altro, aveva centinaia di volontari addestrati pronti a scattare in azione.

Waqa, membro addestrato ed esperto della squadra dei Ministri Volontari di Scientology del programma Risposta ai Disastri, ha guidato circa 250 figiani che si sparsero in 20 villaggi per aiutare le vittime del ciclone, la più potente tempesta finora documentata nell’emisfero meridionale. Ognuno di loro era un Ministro Volontario (VM) addestrato a prendersi cura in modo esperto delle più cruciali necessità delle persone – fisiche, mentali o spirituali – non solo durante i disastri, ma nella loro vita quotidiana.

I VM distribuirono rifornimenti donati, ripulirono detriti, ricostruirono case e scuole e impartirono la “tecnologia delle assistenze”: tecniche sviluppate dal Fondatore di Scientology L. Ron Hubbard per fornire sollievo spirituale da traumi fisici ed emotivi. Sfoggiando le loro distintive magliette gialle, i Ministri Volontari hanno aiutato circa 24.200 vittime e addestrato altre 2340 persone a dare assistenze ad altri.

Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite
Figi: ricostruire vite

Waqa, chiamato più comunemente “Alfy”, è diventato uno dei principali VM nel 2012 quando un gruppo di Ministri Volontari ha aiutato le vittime di forti inondazioni nelle isole Figi. Nel marzo dell’anno seguente, quando un ciclone tropicale si è scagliato sulla vicina nazione insulare di Vanuatu, Alfy era a portata di mano con altri Ministri Volontari per fornire soccorso.

Ma, quando Alfy si recò in Nepal nell’aprile del 2015 per assistere le vittime di un devastante terremoto di magnitudo 7,8, si rese conto di quanto fosse importante avere un’organizzazione di VM ben oliata e pronta non solo a rispondere ai disastri, ma ad aiutare i figiani ad affrontare le sfide della vita di tutti i giorni. A detta di tutti, lavorando con i VM in Nepal, sostenuti dall’International Association of Scientologists, Alfy ha cambiato la sua vita come mai prima d’ora.

Una delle prime cose che ha fatto dopo essere ritornato dal Nepal è stato di formare tre gruppi di Ministri Volontari nel suo villaggio, Nalalawa, e nelle aree circostanti, a circa tre ore dalla capitale di Suva. Ingaggiare le persone non era un problema. Molti paesani della zona erano già ben impressionati dall’opera di soccorso di Alfy e della sua squadra di VM nel 2012. Per di più, erano anche consapevoli dei post nei social media sull’enorme impatto che i VM avevano avuto in Nepal.

Per destare ulteriore interesse nei Ministri Volontari, Alfy tenne una serie di seminari sulle abilità e tecniche che i VM acquisiscono nel loro addestramento: dalle assistenze a come affrontare ambienti pericolosi e migliorare le relazioni interpersonali. Il suo primo seminario ha attirato più di 60 partecipanti, tra cui cinque capi dei villaggi circostanti. Anche membri della polizia, insegnanti, clero e gli anziani del villaggio erano presenti.

In aggiunta, Alfy ha portato gli strumenti dei VM a circa 45 club giovanili, ognuno dei quali ha dai 30 ai 50 membri. Durante un forum indetto dal governo, ha addestrato circa 100 giovani sulla tecnologia delle assistenze. Stanno venendo attuati piani di espansione per addestrare altri club giovanili.

Nel giugno del 2015, Alfy ha fatto registrare il programma dei Ministri Volontari per la Risposta ai Disastri presso l’ufficio del pubblico amministratore a Rakiraki, cittadina a circa 160 chilometri da Suva. Da allora, le richieste rivolte al governo per l’aiuto dei VM vengono inoltrate direttamente ai Ministri Volontari locali.